I benefici del Raja Yoga

I benefici del Raja Yoga

Negli ultimi anni sempre più persone hanno deciso, e decidono ancora oggi, di approcciarsi a quelle discipline orientali volte alla ricerca del rilassamento.

Chi le pratica già da diverso tempo conosce gli effetti positivi che è possibile ricavare da esse, soprattutto per calmare la mente e lavorare in generale sul proprio benessere psicofisico.

Diverse sono infatti le ricerche scientifiche che hanno dimostrato l’esistenza di una correlazione tra lo Yoga (o la Meditazione) e gli effetti positivi sulla mente e sul corpo, sulla tollerabilità del dolore, sulle performance lavorative così come sulla gestione dello stress.

Solitamente si tende a pensare che esista una sola tipologia di Yoga, ma in verità si tratta di una disciplina ricchissima di varianti, tutte valide allo stesso modo. Lo Yoga più conosciuto, ovvero l’Hatha Yoga, si basa su esercizi fisici e dunque sull’esecuzione delle Asana; il Raja Yoga, invece, si concentra prevalentemente sul lato filosofico della disciplina.

Libri Yoga gratis con Kindle Unlimited

 Cos’è il Raja Yoga?

Il Raja Yoga è nato in India ed è considerata la tipologia di Yoga più “elevata”: non a caso, il suo significato è “Yoga reale”.
Letteralmente il termine Raja in hindi significa appunto Re, facendo riferimento alle caste reali indiane, e proprio dall’uso di questa terminologia è possibile apprendere perché il Raja Yoga è considerata una disciplina regale.

Riportato in auge dal mistico indiano Swami Vivekananda al termine del XIX secolo, il Raja Yoga permette di entrare in contatto con il proprio Io più profondo, agendo attraverso la concentrazione, la contemplazione e la meditazione.

Yoga Sutra di PatanjaliLo stesso Raja Yoga si rifà allo Yoga classico che viene descritto negli Yoga Sutra di Patanjali: è certamente un tipo di Yoga meditativo, che per molti versi si contrappone all’Hatha Yoga (dove gli elementi essenziali sono le Asana e il Pranayama, e l’attenzione è volta principalmente agli esercizi fisici piuttosto che allo spirito), ma è pur vero che mente e corpo devono sempre andare di pari passo, ecco perché entrambe le varianti si completano a vicenda.

Gli antichi sostenevano infatti che chi praticava il Raja Yoga riusciva a produrre tramite la Meditazione più profonda dei benefici sul sistema nervoso, ma per raggiungere tale equilibrio è anche necessaria una preparazione fisica adeguata.
Ecco perché l’Hatha Yoga diventa una parte fondamentale della pratica.

Al giorno d’oggi, il Raja Yoga è molto diffuso e praticato in diversi Paesi del mondo occidentale.
Durante la pratica si parte proprio da una base di Hatha Yoga, necessario nella fase preparatoria per intraprendere successivamente percorsi spirituali più elevati. L’intero cammino di ogni individuo è infatti molto lungo e permette di lavorare al contempo sull’autocontrollo, sulla disciplina, sul controllo del respiro, sul distacco dei sensi e dalle apparenze e su molto altro ancora.

Il Raja Yoga va praticato generalmente in gruppo, facendosi seguire da un maestro esperto, proprio perché non basta conoscere e saper mettere in pratica determinate posture fisiche o tecniche meditative, ma è necessario anche riscoprire e approfondire il tipo di filosofia che sta alla base della disciplina.

Acquisire la piena consapevolezza di se stessi rende liberi a tutti gli effetti, ragion per cui lo scopo principale del Raja Yoga è la completa realizzazione dell’individuo, spesso condizionato negativamente dai problemi e dalle preoccupazioni della vita quotidiana, dal mormorio implacabile della mente.

Ricapitolando, tale disciplina consente dunque di conoscere e sperimentare uno stato di pace interiore, potenzialmente accessibile a ognuno di noi, ma spesso annebbiato dalle abitudini e da processi mentali controproducenti.

Libri Yoga Giardino dei Libri

Raja Yoga: i benefici su corpo e spirito

Il Raja Yoga è una disciplina che contribuisce all’aumento della propria consapevolezza e fornisce la giusta chiave di lettura per quanto riguarda molte questioni esistenziali dell’uomo.

Grazie a tale pratica è possibile ricavare la lucidità e il distacco necessari per esaminare ciò che sta alla base di ogni problema e arrivare alla giusta soluzione; permette altresì di conoscere la propria natura personale e intima.

Come abbiamo già spiegato, a differenza di altre tipologie di Yoga basate sulle Asana, nel Raja Yoga il principio base è la Meditazione, e proprio grazie ad essa è possibile ridurre gli schemi mentali e di conseguenza le fluttuazioni della mente, riuscendo a ricavare innumerevoli benefici: dal miglioramento della concentrazione alla scomparsa delle tensioni mentali e fisiche, ma soprattutto la riduzione dello stress e dell’ansia.

Il Raja Yoga migliora inoltre la respirazione, aiuta a combattere l’insonnia e contribuisce a stabilizzare l’umore favorendo il rilassamento generale.

Bene siamo giunti alla fine di questo articolo, cosa ne pensi? Ti è piaciuto?
Faccelo sapere scrivendolo nei commenti o meglio ancora sulla nostra pagina Facebook!  🙂

Se vuoi approfondire la tematica con un libro ce ne sono di molto interessanti su Amazon e in particolare su Amazon Kindle e se hai l’abbonamento a Kindle Unlimited molti sono gratuiti. Speriamo di averti fatto cosa gradita con questa segnalazione. 🙂

Inoltre vogliamo segnalarti anche questo videocorso, che trovi sul sito del Giardino dei Libri, un metodo life coaching spirituale basato sugli insegnamenti di due dei più popolari maestri spirituali: Paramhansa Yogananda (autore di Autobiografia di uno Yogi) e Swami Kriyananda (autore di tantissimi libri, tra i quali troviamo L’Intelligenza Intuitiva, Conversazioni con Yogananda).

Per concludere iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti i nuovi articoli, tanto materiale esclusivo e gratuito e gli ebook sulla Respirazione e sulla Meditazione!!!

Ti auguriamo una splendida giornata

Namasté

Fonte foto

Commenta usando Facebook