Supera i tuoi limiti con le posizioni a testa in giù dello Yoga

Indice argomenti Trattati:

Tutte le nostre azioni quotidiane, possono portarci a posizioni errate della colonna vertebrale, in questo modo le curvature della colonna vertebrale tendono a ridursi o accentuarsi.

Inoltre è raro che inarchiamo la schiena indietro, anzi spesso siamo con la testa in avanti.

Una colonna vertebrale forte, flessibile e sana è fondamentale per il benessere fisico e per l’apertura dei canali energetici che sviluppa l’equilibrio psichico.

Lo Yoga ci viene in aiuto con le posizioni all’indietro e a testa in giù che ci portano a rinforzare e rendere più elastica la colonna vertebrale.

Queste posizioni spesso possono far paura, poiché c’è la sensazione di andare verso il vuoto, verso l’ignoto, quindi oltre i nostri limiti.

In questo articolo ti mostro alcune Asana per superare i propri limiti e lasciarsi andare all’ignoto, al nuovo.

Supta Vajrasana (la posizione distesa del diamante)

Supta Vajrasana (posizione del fulmine dormiente, detta anche del diamante)
Supta Vajrasana (posizione del fulmine dormiente, detta anche del diamante)

Chi esegue Vajrasana a beneficio del sesto Chakra percepirà maggior determinazione, controllo e lucidità mentale. Anche questa è una posizione davvero semplicissima e basilare che tutti possono sperimentare senza alcun problema. Ecco nel dettaglio come fare:

  • Inginocchiatevi sul tappetino, con le natiche appoggiate sui talloni.
  • Lentamente inclinati indietro poggiandoti sui gomiti.
  • Posizionate le mani sotto le natiche.
  • Cerca di tenere le ginocchia a contatto col pavimento, se necessario separale.
  • Chiudi gli occhi e rilassati.
  • A questo punto non dovete far altro che respirare normalmente, ad occhi chiusi, mantenendo la posizione del diamante per qualche minuto o comunque fin quando vi risulta rilassante.
  • Per lasciare la posizione non distendere le gambe (questo potrebbe causare problemi alle ginocchia) ma ritorna prima in ginocchio.
Non fare questa posizione se hai ernia del disco, disturbi sacrali o alle ginocchia.
  •  

Ushtrasana (posizione del cammello)  

Asana Yoga Ustrasana (posizione del cammello)
Asana Yoga Ustrasana (posizione del cammello)

Questa Asana è utile al sistema riproduttivo e digestivo, inoltre aiuta ad alleviare il mal di schiena.

  • Siedi in Vajrasana e sollevati sulle ginocchia con le braccia lungo i fianchi
  • Le gambe dovrebbero essere unite, ma se ti trovi più comoda puoi separarle
  • Piegati indietro e porta la mano destra al tallone destro e la mano sinistra al tallone sinistro, non forzare
  • Spingi il bacino in avanti e rilassa il corpo specialmente la schiena tenendo le cosce verticali
  • Piega il più possibile la testa e la colonna vertebrale
  • Respira normalmente, tieni la posizione per quanto ti è comoda, quando ritorni nella posizione di partenza muoviti lentamente sollevando le mani una per volta, mantieni fino a 3 minuti
  • Per ritornare alla posizione di partenza solleva lentamente una per volta le mani dai talloni

Sirsasana (la posizione sulla testa) 

Sirsasana (la posizione sulla testa) 
Sirsasana (la posizione sulla testa) 

Sirsasana è una posizione abbastanza impegnativa, che consigliamo di eseguire sotto l’attenta supervisione di un maestro oppure solamente a chi ha raggiunto un livello ormai avanzato nella pratica dello Yoga.
È una delle Asana più efficaci per il settimo Chakra, migliora la circolazione, aiuta in caso di colite o stipsi e rende l’individuo più sicuro si sé. Vediamo come fare:

  • Assicuratevi che il tappetino sia non troppo sottile per creare una base di appoggio adeguatamente spessa e non scivolosa, oppure piegatelo in due.
  • Inginocchiatevi con i glutei poggiati sui talloni e chinatevi in avanti poggiando i gomiti a terra: le braccia devono essere perpendicolari al pavimento.
  • Unite le dita, formando con le mani una specie di coppetta che è anche il vertice del triangolo formato con gli avambracci.
  • Poggiate la testa sui palmi delle mani, cercando il punto di appoggio più adatto a voi.
  • Sollevate il bacino, distendendo le gambe.
  • Chi è alle prime armi può anche fermarsi qui, chi invece ha le possibilità per farlo può proseguire nel sollevare le gambe e raggiungere la completa posizione verticale invertita, dove solo la testa e gli avambracci sostengono il peso del corpo.
  • Se sei inesperto tieni la posizione 30 secondi, se hai più dimestichezza puoi tenere la posizione anche fino a 30 minuti.
  • Per tornare nella posizione di partenza piega le ginocchia e abbassa il corpo.
Questa posizione sembra difficile, ma il segreto è partire bene, mettendo nella posizione giusta le braccia a terra, in questo modo riuscirai ad alzare le gambe senza alcuno sforzo.

Conclusione
Se hai letto questo articolo, hai sicuramente voglia di vivere la vita in maniera più fluida, di lasciarti andare di più al nuovo, superando i tuoi limiti.

Oltre alle posizioni all’indietro e sulla testa dello Yoga, ti consiglio di accettare le tue paure e qualsiasi limite tu abbia, l’accettazione di sé stessi è la prima fase per superarsi, è come un adulto che abbraccia un bambino impaurito, se si sente accettato e amato sarà più forte e riuscirà a crescere.

Bene siamo giunti alla fine di questo articolo, cosa ne pensi? Ti è piaciuto?
Faccelo sapere scrivendolo nei commenti o meglio ancora sulla nostra pagina Facebook!  🙂

Se vuoi approfondire la tematica con un libro ce ne sono di molto interessanti su Amazon e in particolare su Amazon Kindle e se hai l’abbonamento a Kindle Unlimited molti sono gratuiti. Speriamo di averti fatto cosa gradita con questa segnalazione. 🙂

bracciale tibetano

Tibetan Sun aiuta a sviluppare la Pace Interiore. È infatti tradizione antica che monaci tibetani indossino ai polsi i braccialetti decorati con pietre naturali e nodi, come buon auspicio per la Pace Interiore. Viene usato anche come supporto per la Meditazione. Tenendo un braccialetto in mano i monaci celebrano “Om mani padme hum“, un famoso mantra che protegge la persona che indossa il braccialetto dai mali, porta fortuna e prosperità. Riceverai 2 braccialetti, regalalo ad una persona cara per attivare i suoi flussi protettivi. Augura felicità e fortuna. Indossato sul polso sinistro, il lato accogliente della nostra anima, influisce positivamente in combinazione con le energie più spirituali, eliminando le negatività.

Fonte foto

Commenta usando Facebook
Se ti è piaciuto l'articolo condividilo
Articoli più letti