La pratica Yoga e la forza interiore

La pratica Yoga e la forza interiore

I benefici che è possibile ricavare da una corretta e costante pratica Yoga sono ormai più che noti, specie a chi ha avuto modo di sperimentarli in prima persona.

Questa disciplina agisce infatti in maniera positiva su corpo e mente, e riesce a esaltare le qualità interiori di ognuno di noi.

Forza di volontà, determinazione, sono solo alcuni dei principali ingredienti capaci di rendere la vita degna di essere vissuta, per riuscire ad assaporarla in tutta la sua pienezza.
Ma quanti pensieri, quanti dispiaceri quotidianamente ci impediscono di godere della nostra esistenza serenamente?
Quante volte ci sentiamo scoraggiati, fragili e senza incentivi per andare avanti? Tutti, chi più chi meno, ci siamo sentiti così almeno una volta nella vita.

È per questo motivo che qui di seguito parleremo di quanto la pratica Yoga influisca in maniera positiva sulla nostra forza interiore, aiutandoci a svilupparla e ad alimentarla.

La forza interiore

Il terzo Chakra, chiamato Manipura, si trova nella zona dell’ombelico ed è la sede della nostra forza interiore.
L’elemento associato a questo importante centro energetico è il fuoco, il colore invece è il giallo.

Se Manipura è ben equilibrato, determinazione, autostima e forza di volontà non mancheranno di certo nelle nostre vite.
In caso contrario, ci sentiremo insicuri, incapaci di prendere decisioni importanti, con ripercussioni anche sulla salute fisica: un disequilibrio del terzo Chakra può infatti determinare problemi di natura digestiva, nausea, gonfiori, disturbi a carico di organi come fegato, pancreas e cistifellea.
È dunque fondamentale che Manipura non sia né troppo aperto né troppo chiuso, bensì equilibrato al punto giusto.

Che la forza interiore, e dunque la spinta motivazionale, abbia sede proprio nella pancia non è affatto un caso: è senz’altro riconducibile all’abbondante utilizzo di frasi come “agire di pancia”, che sottolineano l’importanza di questa parte del corpo e il suo essere collegata alla capacità di compiere delle decisioni, di reagire alle difficoltà che la vita ogni giorno ci pone davanti.

Sono moltissimi gli obbiettivi che una persona può prefissarsi di raggiungere: nel lavoro, in amore, traguardi personali ed emotivi, e chi più ne ha più ne metta.
Quel che è certo è che, qualsiasi sia l’obbiettivo, senza la necessaria forza interiore sarà praticamente impossibile vederlo realizzarsi.

Avere una motivazione nella vita è importantissimo, così come avere coraggio e forza per fronteggiare le avversità e saperle riconoscere al momento opportuno.
La forza di volontà va coltivata giorno dopo giorno, imparando anche a uscire dalla zona di comfort quando è necessario.

Forti di quello che siamo, delle nostre potenzialità e capacità, andremo lontano.

Aumentare la forza interiore con lo Yoga

Praticare Yoga è un ottimo modo per focalizzare l’attenzione sul proprio Io, sull’attimo presente, poiché ci aiuta a volgere lo sguardo all’interno e ad allontanare le distrazioni esterne.
Così facendo ascoltiamo noi stessi, il nostro corpo e il nostro respiro.

Già, perché è da noi stessi che dobbiamo partire, è dentro di noi che dobbiamo lavorare e fare spazio a tutto ciò che di buono alberga nella nostra anima, rimuovendo tensioni di ogni tipo per promuovere sensazioni positive, di leggerezza, pace e forza interiore.
Tutto questo con l’obbiettivo di ritrovare la carica e la fiducia nelle nostre capacità.

Accumulare ansia, stress a lungo andare non solo ci impedisce di goderci la vita, ma può comportare manifestazioni e disturbi anche a livello fisico.

In questo senso, lo Yoga ci aiuta a rivedere le nostre priorità, a considerare diversamente quelli che noi reputiamo “problemi”, permettendoci di affrontarli con maggior lucidità, in maniera più rilassata e con una forza che non credevamo di possedere.
Ci rende, in poche parole, più consapevoli; ed essere più consapevoli accresce la fiducia che abbiamo in noi stessi, allontanando paure e incertezze e abbattendo i nostri limiti.

Di conseguenza, una mente più aperta, libera e rilassata migliora e facilita il nostro modo di rapportarci agli altri e il nostro modo di esprimerci, che si rivela più autentico.

Asana Yoga per aumentare la forza interiore

Esistono diverse tipologie di Yoga che è possibile praticare, più o meno impegnative, e scegliere quella che più fa al caso proprio è molto importante per il raggiungimento dei risultati sperati.

La più semplice nonché la più diffusa è senz’altro l’Hatha Yoga, che come in molti già sapranno prevede l’esecuzione delle Asana.

Tra le tante conosciute, ve ne suggeriamo quattro particolarmente indicate per incrementare la propria forza interiore:

Virabhadrasana (posizione del guerriero)

Posizione Yoga Virabhadrasana
Virabhadrasana I (prima posizione del guerriero) 

La posizione del guerriero (Virabhadrasana) è sostanzialmente una posizione di “apertura”, in quanto amplia il volume del torace e allunga i muscoli delle spalle, dell’addome, dei fianchi e del collo, quindi utile per migliorare resistenza e flessibilità corporea. 
Questa posizione permette al torace di espandersi, migliorando di conseguenza la respirazione, e agisce soprattutto rafforzando e allungando caviglie e gambe.
Aiuta anche il sistema digestivo e in particolare il reflusso e i dolori addominali.
Eseguendosi in piedi, migliora di molto l’equilibro e la stabilità fisica e interiore, potenziando di conseguenza anche l’autostima e infondendo la stessa determinazione di un guerriero. Va eseguita così:

  • In piedi, fate un ampio passo indietro con la gamba sinistra ruotando verso l’interno il piede corrispettivo di circa 45 – 60 gradi.
  • Tieni il bacino dritto in avanti
  • Piegate adesso il ginocchio destro alla stessa altezza della caviglia.
  • La coscia della gamba davanti deve essere il più possibile parallela a terra
  • Stabilizzate il vostro equilibrio, dopodiché alzate le mani unite in preghiera verso il cielo, sopra la testa, con lo sguardo rivolto davanti a voi.
  • Mantenete questa esatta posizione per circa 20 – 30 secondi, arrivando cioè a compiere 5 o 10 respiri profondi. Infine ripetete dall’altro lato.

Se hai problemi alle ginocchia è fondamentale che in Virabhadrasana tenga presente questi punti:

  • la tibia sia perpendicolare al piede, al ginocchio, sulla caviglia
  • il ginocchio davanti sia piegato a 90°, senti il quadricipite
  • apri le anche mantenendo il ginocchio davanti stabile
  • tieni il piede, il ginocchio e l’anca sulla stessa linea
  • il piede di dietro ben appoggiato a terra

Paripurna Navasana (la posizione della barca) 

Posizione della barca (Paripurna Navasana)
Posizione della barca (Paripurna Navasana)

La posizione della barca è particolarmente indicata per sbloccare il terzo chakra, sprigionandone tutta l’energia e alimentando la nostra fiamma interiore, che ci fa rimanere a galla proprio come l’acqua fa con una barca. Evitatela se siete in gravidanza o se soffrite di problemi alla zona addominale. Si esegue così:

  • Sedetevi a terra, busto dritto e gambe distese.
  • Sollevate le gambe, cercando di mantenerle distese, e contemporaneamente allungate le braccia davanti a voi, come se tentaste di afferrarvi le caviglie.
  • Mantenetevi dunque in equilibrio sul coccige, per tutta la durata della posizione.
  • Rimanete così fin quanto potete, possibilmente per almeno un minuto, dopodiché rilassatevi.

 

Ardha Matsyendrasana (posizione di mezza torsione della colonna vertebrale) 

Posizione Yoga Ardha Matsyendrasana
Posizione Yoga Ardha Matsyendrasana

Questa Asana aiuta a migliorare i processi digestivi e l’acidità di stomaco, regola le funzionalità di fegato e reni, rinforza la colonna vertebrale e allevia il mal di schiena e la sciatalgia.  È associata al terzo Chakra e aiuta ad aumentare la gioia, la creatività e l’intuizione. Eseguitela così:

  • Siedi con le gambe allungate davanti al corpo
  • Piega la gamba destra e appoggia il piede destro sul pavimento esternamente al ginocchio sinistro, le dita del piede destro sono rivolte in avanti
  • Piega la gamba sinistra e porta il piede accanto al gluteo destro
  • Il dorso del piede si dovrebbe trovare a contatto col pavimento
  • Passa il braccio sinistro attraverso lo spazio tra il torace e il ginocchio destro e mettilo contro l’esterno della gamba destra
  • Afferra il piede o la caviglia destra con la mano sinistra, così che il ginocchio destro sia vicino all’ascella sinistra
  • Stai più eretto possibile
  • Solleva il braccio destro davanti al corpo e fissa la punta delle dita
  • Lentamente ruota il corpo verso destra, muovendo simultaneamente il braccio, il tronco e la testa
  • Utilizza il braccio sinistro come leva contro la gamba destra per ruotare al massimo
  • Segui con lo sguardo la punta delle dita della mano destra e guarda oltre la spalla destra
  • Non forzare la schiena
  • Piega il gomito destro e metti il braccio dietro la schiena
  • Il dorso della mano destra dovrebbe abbracciare il fianco sinistro
  • Respirazione: inspira quando sei rivolto in avanti, espira quando ruoti il tronco. Respira profondamente nella posizione finale.
    Pratica una volta per lato per 10/15 respiri.

Sarvangasana (posizione della candela)

Posizione Yoga Sarvangasana - Posizione della candela
Posizione Yoga Sarvangasana - Posizione della candela

Questa Asana ci apre alla spiritualità, alla purezza e all’intuizione. Si esegue in questo modo:

  • Sdraiati sul tappetino, verifica che la testa e la colonna vertebrale siano allineate, tieni le gambe dritte con i piedi uniti
  • Tieni li braccia lungo i fianchi, rilassa tutto il corpo
  • Contrai i muscoli addominali e con l ‘aiuto delle braccia solleva lentamente le gambe in verticale, mantenendole tese
  • Inspira nella posizione di partenza
  • Lentamente solleva i glutei e la colonna vertebrale, portando il tronco in posizione verticale
  • Gira il palmo delle mani verso l’alto, piega i gomiti e metti le mani sulla gabbia toracica per sostenere la schiena. I gomiti son alla stessa larghezza delle spalle
  • Spingi il torace in avanti in mod che si crei una pressione stabile contro il mento
  • Nella posizione finale le gambe son verticali, unite e formano una linea retta col tronco
  • Chiudi gli occhi e rilassa tutto il corpo e respira lentamente e profondamente
  • Tieni la posizione per 5 respiri, se sei più esperto anche per 3/5 minuti

Libri Yoga gratis con Kindle Unlimited

Bene siamo giunti alla fine di questo articolo, cosa ne pensi? Ti è piaciuto?
Faccelo sapere scrivendolo nei commenti o meglio ancora sulla nostra pagina Facebook!  🙂

Se vuoi approfondire la tematica con un libro ce ne sono di molto interessanti su Amazon e in particolare su Amazon Kindle e se hai l’abbonamento a Kindle Unlimited molti sono gratuiti. Speriamo di averti fatto cosa gradita con questa segnalazione. 🙂

banne kindle unlimited yoga

Inoltre vogliamo segnalarti anche questo videocorso, che trovi sul sito del Giardino dei Libri, un metodo life coaching spirituale basato sugli insegnamenti di due dei più popolari maestri spirituali: Paramhansa Yogananda (autore di Autobiografia di uno Yogi) e Swami Kriyananda (autore di tantissimi libri, tra i quali troviamo L’Intelligenza Intuitiva, Conversazioni con Yogananda).

Per concludere iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti i nuovi articoli, tanto materiale esclusivo e gratuito e gli ebook sulla Respirazione e sulla Meditazione!!!

Ti auguriamo una splendida giornata

Namasté

Fonte foto

Chiudi il menu
Il blog sul mondo dello Yoga e delle discipline olistiche attinenti - Mantrayoga.it

Scarica Gratis gli ebook sulla Respirazione e la Meditazione!